Appunti personali sull'ottimizzazione SEO per i motori di ricerca

Backlink in entrata sul sito

I backlink sono link in entrata su una pagina provenienti da altre pagine web. Sono anche conosciuti come inbound link. Sono anche conosciuti come incoming link, inlink, inward link o BL ( Back-Link ).

Le tipologie di backlink

Esistono diverse tipologie di backlink. In base all'origine è possibile definire un link in ingresso come interno o esterno.

  1. Backlink interno ( inside link ). Proviene da un'altra pagina interna del sito web.
  2. Backlink esterno. Proviene da una pagina contenuta in un altro sito web.

In base alla collocazione della landing page nel sito web, ossia della pagina web che riceve il link, i backlink possono essere classificiati in:

  1. Link di profondità ( deep link ). Questo collegamento ipertestuale nasce da una pagina principale del sito web ( es. home page ) in direzione di una pagina più profonda ( deep web ).
  2. Link di superficie ( surface link ). Sono link che hanno origine dalle pagine del deep web e sono indirizzate verso le pagine web principali del sito web.

La natura del backlink

Tecnicamente i backlink sono tutti realizzati con il tag <A> del linguaggio HTML. Tuttavia, la loro natura può essere diversa.

La natura di un backlink è l'intento con cui il backlink viene pubblicato online dal sito linkante.

Si possono distinguere i seguenti casi:

  1. Backlink spontaneo o naturale. E' inserito spontaneamente verso una risorsa esterna perché ritenuta utile o come fonte informativa.
  2. Backlink artificiale positivo ( link building ). Il sito linkante e linkato si accordano sulla pubblicazione del backlink. Tra i due c'è uno scambio di favori o un pagamento in denaro da parte del sito linkato che beneficia di un miglioramento della sua link popularity. Si tratta di un link artificiale.
  3. Backlink artificiale negativo ( negative seo ). Non c'è nessun accordo ma il link non è spontaneo. Viene pubblicato per emulare una link building e far scattare una penalizzazione sul sito linkato da parte dei motori di ricerca. Si tratta, pertanto, di un'azione finalizzata a produrre danni al sito linkato ed è detta Seo Negative.

La quantità di link e il rischio delle penalizzazioni

La quantità di link non è più sufficiente a garantire un posizionamento, quello che veramente conta è la qualità del link. Avere milioni di backlink da siti poco importanti non porta a nulla, se non a incappare nel rischio delle penalizzazioni per link non naturali ( artificiali ).

Qualche anno fa avere molti backlink in entrata consentiva di scalare facilmente le prime pagine sui motori di ricerca. Ora queste pratiche sono diventate pericolose perché possono causare una penalizzazione del sito linkato. I link sono ancora usati nelle link building in grande quantità ma sono organizzati all'interno di catene di Markov ( es. Tiered Link Building ).

Queste pratiche sono continuamente sotto osservazione dal reparto antispam di Google che negli ultimi anni, soprattutto dopo il roll-out dell'algoritmo Penguin, hanno ripulito dalle serp molti link innaturali e pratiche seo black hat.

La qualità dei link

Sono, invece, molto rilevanti i backlink provenienti da siti autorevoli, purché lo siano sullo stesso argomento trattato nel documento linkato. Se un sito molto autorevole su un tema linka il documento di un sito web sconosciuto, allora il suo contenuto deve essere veramente importante.

I backlink sono ancora oggi molto importanti come fattore di ranking sui motori di ricerca e nelle strategie di ottimizzazione SEO. Tuttavia, oggi le caratteristiche dei backlink più efficaci sono diverse da quelle del passato.

I fattori di ranking legati ai backlink

I backlink sono i fattori di ranking più conosciuti dall'arrivo della link popularity e del page rank, quelli che hanno decretato il successo di Google alla fine degli anni '90. Il principio è molto semplice. Le pagine più popolari sono quelle più linkate da altri siti. Nel corso del tempo questo fattore di ranking si è però evoluto.

A questa categoria di ranking appartengono molti altri fattori di ranking come l'anchor text nel collegamento ipertestuale, le citazioni e le menzioni, la destinazione del link verso l'home page o una pagina interna ( deep link ), la presenza del link come URL o meno, il rapporto tra link follow e nofollow ecc.

Il framing

Merita una trattazione a parte il framing. Non si tratta di un vero e proprio link ma rappresenta comunque un collegamento tra due pagine web, in quanto un documento richiama il contenuto di un'altra.

Nel framing una pagina web A utilizza la struttura a frame per visualizzare al suo interno il contenuto proveniente da un'altra pagina web B.

Le due pagine web possono essere appartenere allo stesso sito web oppure a siti web differenti.



Segnalami un errore, un refuso o un suggerimento per migliorare gli appunti

Altre pagine di approfondimento sull'argomento

  1. Come controllare i backlink del proprio sito web
  2. Come analizzare i backlink dei siti competitor

Questo sito utilizza cookie tecnici. Sono presenti alcuni cookie di terzi ( Gooogle, Facebook ) per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Cliccando su OK, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all’uso dei cookie.

Per ulteriori informazioni o per revocare il consenso fai riferimento alla Privacy del sito.
knowledge base

Libri di approfondimento
  1. Il backlink
  2. Le strategie Seo
  3. La link baiting
  4. La link diversity
  5. Il profilo di link