Appunti personali sull'ottimizzazione SEO per i motori di ricerca

Quale la differenza tra link artificiali e link naturali

Può capitare di imbattersi nei termini link artificiali e link naturali. Qual è la differenza? Dal punto di vista tecnico si tratta della stessa cosa. In entrambi i casi, di collegamenti ipertestuali da una pagina web a un'altra pagina web.

Le pagine web possono risiedere sotto lo stesso nome di dominio del sito web ( link interni ) o su diversi nomi di dominio ( link esterni ).

La differenza tra link artificiale e link naturale riguarda soltanto i link esterni.

LINK INTERNI ED ESTERNI

E' noto che Google e altri motori di ricerca utilizzino i link in entrata ( inbound link ) verso una pagina per determinare l'importanza della pagina stessa. La logica è la seguente: se una pagina web ottiene molti link dall'esterno, molto probabilmente è di buona qualità ed è apprezzata dagli utenti.

È il concetto alla base del vecchio page rank che alla fine degli anni Novanta rese Google il motore di ricerca migliore sulla piazza. Ogni pagina web è associata a un rank ( valore ). Ogni collegamento ipertestuale cede una parte del ranking della pagina di origine alla pagina di destinazione.

LINK IN ENTRATA

Senza scendere nei particolari, questo tipo di algoritmo fa ormai parte del paleolitico digitale ed è esposto a diversi handicap. Sarebbe perfetto in un mondo perfetto. In un mondo di furbi a qualcuno potrebbe venire in mente di inserire migliaia di link verso le pagine del proprio sito web, provenienti da altri siti web.

Come potrebbe farlo? I modi sono talmente tanti che non basterebbe un libro per elencarli tutti. Potrebbe comprarli, partecipare a schemi link o a network di link, inserirli nei commenti dei forum, negli spazi web gratuiti, aprendo falsi blog al solo fine di inserire dei collegamenti, fare article marketing, scambi link triangolari o quadrangolari, ecc.

Tutti questi collegamenti ipertestuali sono detti link artificiali o link non naturali e, fin quando il motore di ricerca non se ne accorge, consentivano alla pagina linkata ( landing page ) di scalare artificialmente ( senza merito ) i risultati delle pagine di ricerca. In conclusione, la differenza tra link artificiale e link naturale non è nella natura tecnica del collegamento ipertestuale ma nel fine ultimo che spinge un webmaster a inserire un link verso un'altra pagina sul proprio sito web.

Quando il fine ultimo è favorire il posizionamento della pagina web esterna si parla di link artificiale. Quando il fine è, invece, quello di fornire un collegamento di approfondimento ai propri utenti rispetto alla pagina di origine, si parla di link naturale.

Nel corso degli anni gli algoritmi dei motori di ricerca hanno implementato diversi controlli euristici per contrastare lo spam sul web ( spamindex ) generato dai link artificiali.

Ad esempio, l'over linking è ormai penalizzato da quasi tutti i motori di ricerca. Un po' più difficile, invece, è l'individuazione dei link artificiali generati dalla link building tra siti che trattano un medesimo argomento. 09 / 08 / 2013



Segnalami un errore, un refuso o un suggerimento per migliorare gli appunti

Questo sito utilizza cookie tecnici. Sono presenti alcuni cookie di terzi ( Gooogle, Facebook ) per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Cliccando su OK, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti alluso dei cookie.

Per ulteriori informazioni o per revocare il consenso fai riferimento alla Privacy del sito.
knowledge base

Libri di approfondimento
  1. Il backlink
  2. Le strategie Seo
  3. La link baiting
  4. La link diversity
  5. Il profilo di link