Le leggi psicologiche della mente

Lo studio della mente non può essere affrontato come un fenomeno fisico. Nella fisica lo scienziato studia la realtà e cerca una legge in grado di spiegarla, usando il linguaggio della matematica.

Esempio. Newton ha sintetizzato la sua teoria in una sola formula. La formula rappresenta la realtà abbastanza bene ed è studiata da tutti come una legge. Lo stesso può dirsi per molte altre leggi della fisica, della meccanica, della chimica, ecc.

Lo stesso metodo di ricerca delle scienze fisiche non può essere usato negli studi psicologici e sociali.

Da un secolo gli psicologi ci provano ma senza alcun risultato. La mente umana non sembra rispondere a nessun "meccanismo" logico-matematico semplice, generale e universale.

Nota. Oltre alla psicologia anche le scienze sociali ( sociologia, economia, ecc. ) non riescono a trovare una legge universale per spiegare i fenomeni sociali. Non esistono leggi socioeconomiche valide in ogni luogo e tempo.

Per capire il funzionamento della mente gli scienziati hanno approfondito la conoscenza del cervello umano che, in gran parte, resta ancora sconosciuto. Di fatto, il cervello è una macchina complessa e non può essere semplificato con una semplice legge fisica o matematica valida per tutte le occasioni.

28 / 01 / 2016


 
Segnalami un errore, un refuso o un suggerimento per migliorare gli appunti

FacebookTwitterLinkedinLinkedin
knowledge base

Libri di approfondimento
  1. La macchina emotiva
  2. Il modello di Marvin Minsky
  3. L'algoritmo dell'istinto
  4. Critic Selector Machine